Cos’è un’azione di Borsa? Le basi! (VIDEO)

Le 5 criptovalute con le migliori prestazioni del 2022 (prima parte)
Le 5 criptovalute con le migliori prestazioni del 2022 (fino a oggi)
17 Giugno 2022
Chi sono i Guru del trading online nel 2022?
Chi sono i Guru del trading online nel 2022? (VIDEO)
21 Giugno 2022
Show all

Cos’è un’azione di Borsa? Le basi! (VIDEO)

Cos'è un'azione di Borsa? Le basi! (VIDEO)

Cos’è un azione? Ve lo spieghiamo semplicemente in questo articolo

Che cos’è il mercato azionario?

Il mercato azionario si riferisce ai mercati pubblici che esistono per l’emissione, l’acquisto e la vendita di azioni che vengono scambiate in borsa o fuori borsa. Le azioni, note anche come titoli azionari, rappresentano la proprietà frazionaria di una società e il mercato azionario è un luogo in cui gli investitori possono acquistare e vendere la proprietà di tali beni investibili. Un mercato azionario che funziona in modo efficiente è considerato fondamentale per lo sviluppo economico, in quanto offre alle aziende la possibilità di accedere rapidamente al capitale pubblico.

Scopi del mercato azionario: capitale e reddito da investimento

Il mercato azionario ha due scopi molto importanti. Il primo è quello di fornire capitali alle aziende che possono utilizzarli per finanziare ed espandere le loro attività. Se un’azienda emette un milione di azioni che inizialmente vengono vendute a 10 dollari per azione, l’azienda dispone di 10 milioni di dollari di capitale che può utilizzare per far crescere la propria attività (al netto delle commissioni pagate da una banca d’investimento per gestire l’offerta di azioni). Offrendo azioni invece di prendere in prestito il capitale necessario per l’espansione, l’azienda evita di contrarre debiti e di pagare gli interessi su tali debiti.

Lo scopo secondario del mercato azionario è quello di dare agli investitori – coloro che acquistano azioni – l’opportunità di partecipare ai profitti delle società quotate in borsa. Gli investitori possono trarre profitto dall’acquisto di azioni in due modi. Alcune azioni pagano regolarmente dei dividendi (una determinata somma di denaro per ogni azione posseduta). L’altro modo in cui gli investitori possono trarre profitto dall’acquisto di azioni è quello di vendere le loro azioni per ottenere un profitto se il prezzo delle azioni aumenta rispetto al prezzo di acquisto. Ad esempio, se un investitore acquista azioni di una società a 10 dollari per azione e il prezzo delle azioni sale successivamente a 15 dollari per azione, l’investitore può realizzare un profitto del 50% sul proprio investimento vendendo le azioni.

Storia del trading azionario

Sebbene il trading azionario risalga alla metà del 1500 ad Anversa, il trading azionario moderno è generalmente riconosciuto come iniziato con la negoziazione di azioni della Compagnia delle Indie Orientali a Londra.

Gli albori del trading di investimenti

Nel corso del 1600, i governi britannico, francese e olandese fornirono carte di credito a una serie di società che includevano l’India orientale nel nome. Tutte le merci provenienti dall’Oriente venivano trasportate via mare, con viaggi rischiosi e spesso minacciati da tempeste e pirati. Per mitigare questi rischi, gli armatori cercavano regolarmente investitori che offrissero garanzie di finanziamento per un viaggio. In cambio, gli investitori ricevevano una parte dei guadagni monetari realizzati se la nave tornava indietro con successo, carica di merci da vendere. Questi sono i primi esempi di società a responsabilità limitata (LLC), e molte di esse sono rimaste in piedi solo per un viaggio.

Le prime azioni e il primo scambio

Le azioni delle società erano emesse su carta, consentendo agli investitori di scambiare le azioni con altri investitori, ma le borse regolamentate non esistevano fino alla formazione della Borsa di Londra (LSE) nel 1773. Sebbene l’istituzione della LSE sia stata seguita da una serie di turbolenze finanziarie, il commercio in borsa è riuscito a sopravvivere e a crescere per tutto l’Ottocento.

Gli inizi della Borsa di New York

La Borsa di New York (NYSE) fu fondata nel 1792. Pur non essendo la prima sul suolo americano – l’onore spetta alla Borsa di Filadelfia (PSE) – la NYSE crebbe rapidamente fino a diventare la borsa valori dominante negli Stati Uniti e poi nel mondo. Il NYSE occupava una posizione fisicamente strategica, tra alcune delle più grandi banche e società del Paese, oltre a trovarsi in un importante porto di navigazione. La borsa stabilì i requisiti per la quotazione delle azioni e, inizialmente, commissioni piuttosto elevate, che le permisero di diventare rapidamente un’istituzione ricca.

Il trading azionario moderno – Il volto mutevole delle borse mondiali

A livello nazionale, il NYSE ha visto una scarsa concorrenza per più di due secoli e la sua crescita è stata alimentata principalmente da un’economia americana in continua espansione. L’LSE continuò a dominare il mercato europeo degli scambi azionari, ma il NYSE divenne la sede di un numero sempre crescente di grandi società. Altri grandi Paesi, come la Francia e la Germania, svilupparono infine le proprie borse valori, anche se queste erano spesso considerate principalmente come trampolini di lancio per le società che si accingevano a quotarsi al LSE o al NYSE.

La fine del XX secolo ha visto l’espansione delle contrattazioni azionarie in molte altre borse, tra cui il NASDAQ, che è diventato la sede preferita delle aziende tecnologiche in crescita e ha acquisito maggiore importanza durante il boom del settore tecnologico degli anni Ottanta e Novanta. Il NASDAQ è stato il primo mercato a operare tra una rete di computer che eseguivano elettronicamente gli scambi. Il trading elettronico ha reso l’intero processo di negoziazione più efficiente in termini di tempo e di costi. Oltre all’ascesa del NASDAQ, il NYSE ha dovuto affrontare la crescente concorrenza delle borse in Australia e a Hong Kong, il centro finanziario dell’Asia.

Alla fine il NYSE si è fuso con Euronext, nato nel 2000 dalla fusione delle borse di Bruxelles, Amsterdam e Parigi. La fusione NYSE/Euronext del 2007 ha dato vita alla prima borsa transatlantica.

Come vengono negoziate le azioni – Borse e OTC

La maggior parte delle azioni viene scambiata in borse valori come il New York Stock Exchange (NYSE) o il NASDAQ. Le borse valori forniscono essenzialmente il mercato per facilitare l’acquisto e la vendita di azioni tra gli investitori. Le borse sono regolamentate da agenzie governative, come la Securities and Exchange Commission (SEC) negli Stati Uniti, che sorvegliano il mercato al fine di proteggere gli investitori dalle frodi finanziarie e di mantenere il mercato delle borse senza problemi.

Sebbene la stragrande maggioranza dei titoli sia negoziata in borsa, alcuni titoli sono negoziati fuori borsa (OTC), dove gli acquirenti e i venditori di titoli negoziano comunemente attraverso un commerciante, o “market maker”, che tratta specificamente il titolo. I titoli OTC sono titoli che non soddisfano il prezzo minimo o altri requisiti per essere quotati in borsa.

I titoli OTC non sono soggetti alle stesse norme di rendicontazione pubblica dei titoli quotati in borsa, per cui non è facile per gli investitori ottenere informazioni affidabili sulle società che li emettono. I titoli del mercato OTC sono in genere molto più scarsi di quelli negoziati in borsa, il che significa che gli investitori devono spesso fare i conti con ampi spread tra i prezzi di domanda e di offerta di un titolo OTC. Al contrario, i titoli negoziati in borsa sono molto più liquidi, con spread denaro-lettera relativamente ridotti.

Cos’è dunque un’azione? Collegatevi al canale Youtube di Maxx Mereghetti per avere maggiori info!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

9 − 5 =